I catalizzatori metallici supportati, in cui piccole quantità di centri metallici cataliticamente attivi sono dispersi sulla superficie di un solido poroso, sono di grande importanza economica in ambito industriale. Recentemente abbiamo preparato nuovi catalizzatori eterogenei a basso contenuto di metallo a base di Pd, Ni e Ru, in particolare [0,3% Pd/Al2O3], [0,3% Ni/Al2O3] e [0,3% Ru/Al2O3]. Questi catalizzatori sono stati preparati partendo da sali metallici quali cloruri o nitrati, impiegando una procedura da noi sviluppata ed ottimizzata. Nel caso del composto a base di Pd, per esempio, il palladio cloruro è stato ridotto con idrogeno in presenza di triottilammina (TOA), in un solvente organico anidro (THF o CPME). Successivamente, l’impregnazione sul supporto solido delle particelle metalliche ottenute è stata possibile aggiungendo la miscela in esame alla -allumina, dispersa nello stesso solvente organico anidro scelto, sotto atmosfera di idrogeno. Il catalizzatore è stato poi filtrato, seccato sotto vuoto a temperatura ambiente e usato tal quale senza alcun trattamento di calcinazione, rappresentando questo un grosso vantaggio rispetto ai metodi tradizionali. Il catalizzatore è stabile e può essere conservato per mesi in assenza di umidità. Le particelle di metallo formate rimangono distanti le une dalle altre grazie alla TOA che, causando un ingombro sterico notevole, non permette il fenomeno della sinterizzazione bensì favorisce la distribuzione e deposizione omogenea di tali nanoparticelle sul supporto solido. Questi catalizzatori, nonostante il loro basso contenuto di metallo, si sono mostrati molto attivi in reazioni di ossidazione di alcoli alle corrispondenti aldeidi e di idrogenazione di doppi e tripli legami carbonio-carbonio e di nitroderivati aromatici.

Nuovi catalizzatori eterogenei a basso contenuto di metallo

Stefano Paganelli;PAJER, NICOLO'
;
Oreste Piccolo
2019

Abstract

I catalizzatori metallici supportati, in cui piccole quantità di centri metallici cataliticamente attivi sono dispersi sulla superficie di un solido poroso, sono di grande importanza economica in ambito industriale. Recentemente abbiamo preparato nuovi catalizzatori eterogenei a basso contenuto di metallo a base di Pd, Ni e Ru, in particolare [0,3% Pd/Al2O3], [0,3% Ni/Al2O3] e [0,3% Ru/Al2O3]. Questi catalizzatori sono stati preparati partendo da sali metallici quali cloruri o nitrati, impiegando una procedura da noi sviluppata ed ottimizzata. Nel caso del composto a base di Pd, per esempio, il palladio cloruro è stato ridotto con idrogeno in presenza di triottilammina (TOA), in un solvente organico anidro (THF o CPME). Successivamente, l’impregnazione sul supporto solido delle particelle metalliche ottenute è stata possibile aggiungendo la miscela in esame alla -allumina, dispersa nello stesso solvente organico anidro scelto, sotto atmosfera di idrogeno. Il catalizzatore è stato poi filtrato, seccato sotto vuoto a temperatura ambiente e usato tal quale senza alcun trattamento di calcinazione, rappresentando questo un grosso vantaggio rispetto ai metodi tradizionali. Il catalizzatore è stabile e può essere conservato per mesi in assenza di umidità. Le particelle di metallo formate rimangono distanti le une dalle altre grazie alla TOA che, causando un ingombro sterico notevole, non permette il fenomeno della sinterizzazione bensì favorisce la distribuzione e deposizione omogenea di tali nanoparticelle sul supporto solido. Questi catalizzatori, nonostante il loro basso contenuto di metallo, si sono mostrati molto attivi in reazioni di ossidazione di alcoli alle corrispondenti aldeidi e di idrogenazione di doppi e tripli legami carbonio-carbonio e di nitroderivati aromatici.
7° Workshop Nazionale del gruppo interdivisionale di Green Chemistry e Chimcia Sostenibile
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/3716006
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact