Mito della casa, epica della stanzialità: rileggere Markens grøde di Knut Hamsun