«Aristotile fatto volgare». Una questione linguistica dalla teoria alla prassi (parte II)