L'articolo ricostruisce la vicenda semantica di opsis, parola (e nozione) periferica ma, per altri versi, centrale della Poetica di Aristotele, studiandone l'interpretazione in un campione di traduzioni e commenti rinascimentali al testo aristotelico (latini e volgari). Si propone in particolare un confronto fra i due maggior interpreti volgari della Poetica: Alessandro Piccolomini e Ludovico Castelvetro.

Semantica dello spettacolo. Il lessico critico rinascimentale e il problema di opsis

cotugno alessio
2003

Abstract

L'articolo ricostruisce la vicenda semantica di opsis, parola (e nozione) periferica ma, per altri versi, centrale della Poetica di Aristotele, studiandone l'interpretazione in un campione di traduzioni e commenti rinascimentali al testo aristotelico (latini e volgari). Si propone in particolare un confronto fra i due maggior interpreti volgari della Poetica: Alessandro Piccolomini e Ludovico Castelvetro.
2
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
4. Pubb. 4 (Opsis LeS).pdf

non disponibili

Descrizione: articolo
Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 1.5 MB
Formato Adobe PDF
1.5 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/3722716
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact