"Quelle note che gli stampatori domandan rampini". Su una scelta lessicale ed esegetica di Alessandro Piccolomini