Nota al testo di Patrizia Valduga