Sull'interpretazione di un testamento epistolare