Il lavoro autonomo tradito e il perdurante equivoco del "lavoro a progetto"