“Tracciare” il Poliziano volgare. Su alcune consonanze tra prosa e poesia