Da quanto traspare nelle fonti classiche, sembra che gli Sciti non avessero né sacerdoti né medici ma, secondo la testimonianza di Erodoto, tra di loro c’erano moltissimi indovini che, come si vedrà, venivano utilizzati per scoprire la causa della malattia del re. In questo lavoro, cerco di sviluppare qualche riflessione intorno al racconto erodoteo, sottolineando come le pratiche divinatorie con finalità medica siano sopravvissute fino a non molto tempo fa tra gli Osseti del Caucaso, ultimi eredi degli Sciti.

Gli indovini degli Sciti: breve commento a Hdt. IV, 67–69

Nicolò Bordoni
2023-01-01

Abstract

Da quanto traspare nelle fonti classiche, sembra che gli Sciti non avessero né sacerdoti né medici ma, secondo la testimonianza di Erodoto, tra di loro c’erano moltissimi indovini che, come si vedrà, venivano utilizzati per scoprire la causa della malattia del re. In questo lavoro, cerco di sviluppare qualche riflessione intorno al racconto erodoteo, sottolineando come le pratiche divinatorie con finalità medica siano sopravvissute fino a non molto tempo fa tra gli Osseti del Caucaso, ultimi eredi degli Sciti.
2023
XII
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
bordoni_articolo QMEY XII.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Creative commons
Dimensione 402.11 kB
Formato Adobe PDF
402.11 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/5046220
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact