Il tema dell’esperienza bellica messo a confronto tra due grandi poeti del nostro Novecento: Eugenio Montale e Vittorio Sereni. Un fantasma più o meno labile che si muove tra gli Ossi di seppia e le Occasioni, lascia il posto a una forte presenza nelle liriche del Diario d’Algeria e Gli strumenti umani. Considerando alcuni testi, l’indagine è sul come tali esperienze di vita e poetiche mutino in Montale e in Sereni; disfacendosi quasi a scomparire per poi ritornare prepotenti, come una necessaria evocazione.

Il tempo che passa: fantasmi di guerra nelle poesie di Montale e Sereni

Lorenzo Negro
2021-01-01

Abstract

Il tema dell’esperienza bellica messo a confronto tra due grandi poeti del nostro Novecento: Eugenio Montale e Vittorio Sereni. Un fantasma più o meno labile che si muove tra gli Ossi di seppia e le Occasioni, lascia il posto a una forte presenza nelle liriche del Diario d’Algeria e Gli strumenti umani. Considerando alcuni testi, l’indagine è sul come tali esperienze di vita e poetiche mutino in Montale e in Sereni; disfacendosi quasi a scomparire per poi ritornare prepotenti, come una necessaria evocazione.
Atti del Congresso - ADI 2021 (Associazione Italiana degli Italianisti)
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Il tempo che passa. Fantasmi di guerra nelle poesie di Montale e Sereni - Lorenzo Negro.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso gratuito (solo visione)
Dimensione 129.63 kB
Formato Adobe PDF
129.63 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/5011700
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact