La libertà di manifestazione del pensiero attraverso l’arte cinematografi- ca costituisce uno dei valori fondanti dell’ordinamento giuridico italiano contem- poraneo, che riveste, oggi, una sempre maggiore importanza. Nel presente saggio si analizzerà, quindi, dapprima lo sviluppo della nozione di “censura cinemato- grafica” in Italia. Tramite un approccio di realismo giuridico e comparatistico, poi, si chiarirà il ruolo – fondamentale – che libertà e cultura assumono in ogni sistema giuridico che voglia dirsi ispirato ai valori democratici.

La libertà di manifestazione del pensiero nell’arte cinematografica: un termometro del grado di democraticità dell’ordinamento.

Giulia Sulpizi
2021

Abstract

La libertà di manifestazione del pensiero attraverso l’arte cinematografi- ca costituisce uno dei valori fondanti dell’ordinamento giuridico italiano contem- poraneo, che riveste, oggi, una sempre maggiore importanza. Nel presente saggio si analizzerà, quindi, dapprima lo sviluppo della nozione di “censura cinemato- grafica” in Italia. Tramite un approccio di realismo giuridico e comparatistico, poi, si chiarirà il ruolo – fondamentale – che libertà e cultura assumono in ogni sistema giuridico che voglia dirsi ispirato ai valori democratici.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/5007944
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact