Il testo è una recensione critica dell'ultima monografia di Gian Piero Brunetta, il decano degli storici del cinema italiano. Si tratta di un’opera monumentale dedicata alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia a novant’anni esatti dalla sua prima edizione. Pubblicato da Marsilio in collaborazione con la Biennale, il volume ripercorre il lungo tragitto del più antico festival del mondo, dalla sua nascita nel 1932 sotto il fascismo fino al recente arrivo della pandemia. La recensione sottolinea i caratteri di interesse del lavoro di Brunetta e lo colloca all'interno dei cosiddetti "Film Festival Studies"

Novant’anni in un’opera ambiziosa

Marco Dalla Gassa
2022

Abstract

Il testo è una recensione critica dell'ultima monografia di Gian Piero Brunetta, il decano degli storici del cinema italiano. Si tratta di un’opera monumentale dedicata alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia a novant’anni esatti dalla sua prima edizione. Pubblicato da Marsilio in collaborazione con la Biennale, il volume ripercorre il lungo tragitto del più antico festival del mondo, dalla sua nascita nel 1932 sotto il fascismo fino al recente arrivo della pandemia. La recensione sottolinea i caratteri di interesse del lavoro di Brunetta e lo colloca all'interno dei cosiddetti "Film Festival Studies"
16 Luglio 2022
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Fata Morgana Web - La Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 1932-2022 di Gian Piero Brunetta.pdf

accesso aperto

Descrizione: PDF - recensione Brunetta
Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso gratuito (solo visione)
Dimensione 997.31 kB
Formato Adobe PDF
997.31 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/5003355
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact