Per Maurice Agulhon. La Repubblica orfana del suo storico (di Gilles Pécout)