Oscillando tra metodo Jahrī e Khāfī nella valle del Fergana