L'esplosione della pandemia da Covid-19 sembra aver definitivamente consolidato la centralità che le piattaforme vanno sempre più ricoprendo all'interno dello scenario economico. In breve tempo, esse sono state in grado di espandersi a livello globale, trovandosi a intermediari non solo sempre più servizi, ma anche altre tipologie di attività umane, come ad esempio la DAD o la comunicazione nelle reti sociali. Così, nonostante da un lato le piattaforme sembrano riproporre pratiche che da tempo caratterizzano lo sfruttamento capitalista del lavoro, dall'altro la costante estrazione dei dati che alimenta questa economia sembra segnare una discontinuità significativa rispetto al passato che le porta a produrre conseguenze non solo sul versante economico e sociale, ma anche dal punto di vista politico. L'ipotesi di questa riflessione è che il processo di infrastrutturazione delle piattaforme, ossia la loro crescente influenza all'interno della società, non si limiti a produrre conseguenze sulla sfera economica globale, ma svolga un ruolo di primo piano anche sul piano geopolitico, ridisegnando confini, territori e alleanze. Per questo motivo, la moltiplicazione in chiave globale dello sfrutemnto coalizione sperimentato da molte delle lotte dei lavoratori di piattaforma, dai rider, ai driver di Uber, ai lavoratori di Amazon, appare fondamentale per riuscire a unificare la variegata classe di sfruttati che, a livello globale, vengono travolti dal continuo avanzamento delle piattaforme.

Il capitalismo di piattaforma. Uno sguardo geopolitico

Marrone, Marco
2021-01-01

Abstract

L'esplosione della pandemia da Covid-19 sembra aver definitivamente consolidato la centralità che le piattaforme vanno sempre più ricoprendo all'interno dello scenario economico. In breve tempo, esse sono state in grado di espandersi a livello globale, trovandosi a intermediari non solo sempre più servizi, ma anche altre tipologie di attività umane, come ad esempio la DAD o la comunicazione nelle reti sociali. Così, nonostante da un lato le piattaforme sembrano riproporre pratiche che da tempo caratterizzano lo sfruttamento capitalista del lavoro, dall'altro la costante estrazione dei dati che alimenta questa economia sembra segnare una discontinuità significativa rispetto al passato che le porta a produrre conseguenze non solo sul versante economico e sociale, ma anche dal punto di vista politico. L'ipotesi di questa riflessione è che il processo di infrastrutturazione delle piattaforme, ossia la loro crescente influenza all'interno della società, non si limiti a produrre conseguenze sulla sfera economica globale, ma svolga un ruolo di primo piano anche sul piano geopolitico, ridisegnando confini, territori e alleanze. Per questo motivo, la moltiplicazione in chiave globale dello sfrutemnto coalizione sperimentato da molte delle lotte dei lavoratori di piattaforma, dai rider, ai driver di Uber, ai lavoratori di Amazon, appare fondamentale per riuscire a unificare la variegata classe di sfruttati che, a livello globale, vengono travolti dal continuo avanzamento delle piattaforme.
2
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
marrone (2).pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 4.29 MB
Formato Adobe PDF
4.29 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/3741900
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact