I viaggiatori in Oriente e la poliandria: fenomenologia di un malinteso