Una nuova stagione per la teoria critica e per la sinistra?