Crisi del coronavirus: una svolta per il modello digitale cinese?