Questo intervento ricostruisce le linee principali del formalismo giuridico teorizzato da Hans Kelsen e ne fa emergere - per contrasto - le linee caratterizzanti la filosofia del diritto di Rosmini. Del pensiero kelseniano vengono esplorati in particolare le pretese di completezza sintattica e semantica del sistema giuridico (legate al prevalere della nomodinamica sulla nomostatica) e la corollaria decostruzione del concetto giuridico di persona. Di Rosmini, al contrario, si evidenzia la prospettiva giuspersonalista e la irriducibilità del diritto soggettivo al diritto oggettivo.

NOTE SU ROSMINI E IL FORMALISMO GIURIDICO

Paolo Pagani;
2020

Abstract

Questo intervento ricostruisce le linee principali del formalismo giuridico teorizzato da Hans Kelsen e ne fa emergere - per contrasto - le linee caratterizzanti la filosofia del diritto di Rosmini. Del pensiero kelseniano vengono esplorati in particolare le pretese di completezza sintattica e semantica del sistema giuridico (legate al prevalere della nomodinamica sulla nomostatica) e la corollaria decostruzione del concetto giuridico di persona. Di Rosmini, al contrario, si evidenzia la prospettiva giuspersonalista e la irriducibilità del diritto soggettivo al diritto oggettivo.
Legge, coscienza e libertà. Teologia, filosofia e diritto a confronto
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Pagani Estratti Atti simposio rosminiano 2019.pdf

accesso aperto

Descrizione: PDF relativo alk contributo personale
Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso gratuito (solo visione)
Dimensione 484.63 kB
Formato Adobe PDF
484.63 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/3725406
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact