Nuto Revelli, la storia orale e il popolo perduto