Sulla via del «regno della soggettività o della libertà»: la Wechselwirkung in Hegel