Una nuova “guerra di popolo” per raccontare la “storia della Cina”