(Auto)narrazioni in Cina ai tempi del coronavirus