Una svolta a “u”. Il dopoguerra fantastico