Il problema del tutto e delle parti: il caso del vitalismo di Montpellier