L’ampio immaginario lupesco sedimentato nella tradizione culturale araba si ravviva nella scrittura del presente, innescando alcune ineludibili domande. In alcune recenti opere degli scrittori palestinesi Ibrāhīm Naṣrallāh (1954), Ġassān Zaqṭān (1954) e Ġayāṯ al-Madhūn (1979) la figura dei lupi emerge come fattore poetico distintivo. L'articolo si prefigge di interpretare i riferimenti simbolici al lupo all'interno di un selezionato corpus di testi poetici prodotti negli ultimi due decenni dai tre autori summenzionati.

LA RAPPRESENTAZIONE DEI LUPI IN RECENTI OPERE DI POETI PALESTINESI TRA INTERTESTUALITÀ E INNOVAZIONE

simone sibilio
2019

Abstract

L’ampio immaginario lupesco sedimentato nella tradizione culturale araba si ravviva nella scrittura del presente, innescando alcune ineludibili domande. In alcune recenti opere degli scrittori palestinesi Ibrāhīm Naṣrallāh (1954), Ġassān Zaqṭān (1954) e Ġayāṯ al-Madhūn (1979) la figura dei lupi emerge come fattore poetico distintivo. L'articolo si prefigge di interpretare i riferimenti simbolici al lupo all'interno di un selezionato corpus di testi poetici prodotti negli ultimi due decenni dai tre autori summenzionati.
14
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Qsa_2019_Sibilio_rappresentazione dei lupi.pdf

embargo fino al 28/02/2022

Descrizione: articolo su rivista di fascia A
Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso gratuito (solo visione)
Dimensione 4.05 MB
Formato Adobe PDF
4.05 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10278/3723747
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact