La filologia classica (e gli antichi) di Leo Spitzer: un caso di negazione nietzschiana