Le ambizioni di un contemporaneo di Bellini: Francesco Stabile (1804-1860)