MAX BROD, Ricordo di Leoš Janáček