QUEL CHE RESTA DELLA "TERRITORIALITA'" BANCARIA