Il capo dello stato dall’Italia liberale al fascismo: il re (non) è nudo