"Un riflesso della gran luce tiepolesca". Mariano Fortuny e la copia del soffitto degli Scalzi