Pratica e rituale: un caso di quietismo nel Piemonte del Settecento