L’esperienza storica e l’intrascendibilità del conoscere. Sul sapere di non sapere