ABSTRACT (ITA): La net neutrality è il principio secondo cui tutti i dati trasmessi attraverso internet dovrebbero essere gestiti nello stesso modo dagli internet service provider (ISP), senza né favorire né sfavorire in nessun modo alcun tipo di contenuto, di servizio o di utente. Un modo particolarmente discusso di favorire i contenuti e i servizi offerti da specifiche aziende è il cosiddetto zero rating, che consiste nella possibilità di accedere gratuitamente a internet, ma solo limitatamente ad alcuni siti o servizi gestiti, appunto, da tali aziende. L’IFLA, con due documenti pubblicati nel 2016 e nel 2018, ha preso decisamente posizione a favore della net neutrality e contro lo zero rating, in nome della libertà intellettuale degli utenti di internet, che non dovrebbero essere spinti dalla convenienza economica a preferire certi contenuti rispetto ad altri. L’autore dell’articolo non condivide completamente la posizione dell’IFLA (che, benché guidata da nobili propositi, rischia di aggravare il divario digitale e di minare i principi alla base dell’open access e dei servizi bibliotecari) e propone di investire piuttosto maggiori energie nella promozione di un accesso gratuito universale all’intera internet (o, almeno, ai siti e ai servizi online della pubblica amministrazione) finanziato dagli enti pubblici, che costituirebbe un sostegno alla libertà intellettuale ben più efficace di qualsiasi lotta contro lo zero rating. ABSTRACT (ENG): Net neutrality is the principle according to which all data transmitted through the internet should be managed in the same way by internet service providers (ISPs), without favouring or disadvantaging any type of content, service or user. A particularly discussed way of favouring contents and services offered by specific companies is the so-called zero rating, which consists in the possibility of accessing the internet for free, but only for certain sites or services managed by these companies. IFLA, with two documents published in 2016 and 2018, has definitely taken a stand in favour of net neutrality and against zero rating, in the name of the intellectual freedom of internet users, who should not be driven by economic convenience to prefer certain contents compared to others. The author of this article does not fully agree with the position of IFLA (which, though driven by noble intentions, risks aggravating the digital divide and undermining the principles underlying open access and library services) and proposes to invest rather more energy in promoting free universal access to the entire internet (or, at least, to the public administration's online sites and services) financed by public bodies, which could be a support to intellectual freedom far more effective than any fight against zero rating.

Neutralità della rete, tariffe gratuite e giardini recintati: le difficili scelte della libertà intellettuale

Riccardo Ridi
2019

Abstract

ABSTRACT (ITA): La net neutrality è il principio secondo cui tutti i dati trasmessi attraverso internet dovrebbero essere gestiti nello stesso modo dagli internet service provider (ISP), senza né favorire né sfavorire in nessun modo alcun tipo di contenuto, di servizio o di utente. Un modo particolarmente discusso di favorire i contenuti e i servizi offerti da specifiche aziende è il cosiddetto zero rating, che consiste nella possibilità di accedere gratuitamente a internet, ma solo limitatamente ad alcuni siti o servizi gestiti, appunto, da tali aziende. L’IFLA, con due documenti pubblicati nel 2016 e nel 2018, ha preso decisamente posizione a favore della net neutrality e contro lo zero rating, in nome della libertà intellettuale degli utenti di internet, che non dovrebbero essere spinti dalla convenienza economica a preferire certi contenuti rispetto ad altri. L’autore dell’articolo non condivide completamente la posizione dell’IFLA (che, benché guidata da nobili propositi, rischia di aggravare il divario digitale e di minare i principi alla base dell’open access e dei servizi bibliotecari) e propone di investire piuttosto maggiori energie nella promozione di un accesso gratuito universale all’intera internet (o, almeno, ai siti e ai servizi online della pubblica amministrazione) finanziato dagli enti pubblici, che costituirebbe un sostegno alla libertà intellettuale ben più efficace di qualsiasi lotta contro lo zero rating. ABSTRACT (ENG): Net neutrality is the principle according to which all data transmitted through the internet should be managed in the same way by internet service providers (ISPs), without favouring or disadvantaging any type of content, service or user. A particularly discussed way of favouring contents and services offered by specific companies is the so-called zero rating, which consists in the possibility of accessing the internet for free, but only for certain sites or services managed by these companies. IFLA, with two documents published in 2016 and 2018, has definitely taken a stand in favour of net neutrality and against zero rating, in the name of the intellectual freedom of internet users, who should not be driven by economic convenience to prefer certain contents compared to others. The author of this article does not fully agree with the position of IFLA (which, though driven by noble intentions, risks aggravating the digital divide and undermining the principles underlying open access and library services) and proposes to invest rather more energy in promoting free universal access to the entire internet (or, at least, to the public administration's online sites and services) financed by public bodies, which could be a support to intellectual freedom far more effective than any fight against zero rating.
5/2
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ridi-netneutrality.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso chiuso-personale
Dimensione 119.85 kB
Formato Adobe PDF
119.85 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/3721032
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact