Over the second half of the 15th and the beginnings of the 16th century, the Florentine intellectual Francesco Alfani lived between the Este court of Ferrara (from where he was banished in 1485 ca, after a sex scandal) and Florence, under the Medici and then during the Republic. Thanks to a series of unpublished or unknown sources, the article offers a preliminary profile of Alfani. Neglected by scholars, his figure deserves further research because of his biography as much as for his literary production, characterized by a remarkable variety of literary genres and cultural influences. In addition to the ‘volgarizzamento’ of the Tractatus de rebus antiquis et situ urbis Romae (entitled Le antiquità della alma Roma) and a series of love poems, the contribution underlines the importance of the MS Siena, Biblioteca Comunale degli Intronati, I.XI.45, which contains a number of Alfani’s letters and poems, his vernacular translation of Lucian of Samosata’s dialogue between Minos, Alexander, Hannibal and Scipio, and a so far unknown copy of Lorenzo the Magnificent’s Ambra (Descriptio hiemis). ==== Francesco Alfani, intellettuale fiorentino vissuto tra la seconda metà del XV e gli inizi del XVI secolo, fu attivo prima presso la corte di Ferrara (dalla quale fu allontanato intorno al 1485, in seguito a uno scandalo sessuale) e poi nella Firenze medicea e repubblicana. Grazie al reperimento di una serie di notizie inedite o ignote, l’articolo propone una prima ricognizione della vita e delle opere di questo personaggio trascurato dalla critica, ma meritevole di studio sia per la sua vicenda biografica sia per la sua produzione letteraria, caratterizzata da una notevole apertura a generi e influenze culturali molteplici. Insieme al volgarizzamento del Tractatus de rebus antiquis et situ urbis Romae (intitolato Le antiquità della alma Roma) e a una serie di poesie d’amore, si segnala il codice I.XI.45 della Biblioteca Comunale degli Intronati di Siena, che insieme a varie lettere e componimenti poetici (latini e volgari) di Alfani, riporta un suo volgarizzamento, in terzine, del dialogo di Luciano di Samosata tra Minosse, Alessandro, Annibale e Scipione, e un testimone finora ignoto dell’Ambra (Descriptio hiemis) di Lorenzo il Magnifico.

Tra Ferrara e Firenze. Per un profilo di Francesco Alfani volgarizzatore e poeta

Michele Lodone
2018

Abstract

Over the second half of the 15th and the beginnings of the 16th century, the Florentine intellectual Francesco Alfani lived between the Este court of Ferrara (from where he was banished in 1485 ca, after a sex scandal) and Florence, under the Medici and then during the Republic. Thanks to a series of unpublished or unknown sources, the article offers a preliminary profile of Alfani. Neglected by scholars, his figure deserves further research because of his biography as much as for his literary production, characterized by a remarkable variety of literary genres and cultural influences. In addition to the ‘volgarizzamento’ of the Tractatus de rebus antiquis et situ urbis Romae (entitled Le antiquità della alma Roma) and a series of love poems, the contribution underlines the importance of the MS Siena, Biblioteca Comunale degli Intronati, I.XI.45, which contains a number of Alfani’s letters and poems, his vernacular translation of Lucian of Samosata’s dialogue between Minos, Alexander, Hannibal and Scipio, and a so far unknown copy of Lorenzo the Magnificent’s Ambra (Descriptio hiemis). ==== Francesco Alfani, intellettuale fiorentino vissuto tra la seconda metà del XV e gli inizi del XVI secolo, fu attivo prima presso la corte di Ferrara (dalla quale fu allontanato intorno al 1485, in seguito a uno scandalo sessuale) e poi nella Firenze medicea e repubblicana. Grazie al reperimento di una serie di notizie inedite o ignote, l’articolo propone una prima ricognizione della vita e delle opere di questo personaggio trascurato dalla critica, ma meritevole di studio sia per la sua vicenda biografica sia per la sua produzione letteraria, caratterizzata da una notevole apertura a generi e influenze culturali molteplici. Insieme al volgarizzamento del Tractatus de rebus antiquis et situ urbis Romae (intitolato Le antiquità della alma Roma) e a una serie di poesie d’amore, si segnala il codice I.XI.45 della Biblioteca Comunale degli Intronati di Siena, che insieme a varie lettere e componimenti poetici (latini e volgari) di Alfani, riporta un suo volgarizzamento, in terzine, del dialogo di Luciano di Samosata tra Minosse, Alessandro, Annibale e Scipione, e un testimone finora ignoto dell’Ambra (Descriptio hiemis) di Lorenzo il Magnifico.
29
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Lodone 2018 - Tra Ferrara e Firenze Francesco Alfani.pdf

embargo fino al 01/10/2020

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Accesso libero (no vincoli)
Dimensione 138.41 kB
Formato Adobe PDF
138.41 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/3720826
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact