«La prossima rivoluzione sarà “per la bellezza”»: sulla Transiberiana con Goliarda Sapienza