This contribution aims at drawing an ideal portrait (and as far as possible a real or at least a realistic one) of Antonia Caprara, the woman loved by Boiardo, laying at the centre of his "Amorum libri" – his canzoniere d’amore. Through the examination of this text, a mosaic of the maiden’s extrinsic and intrinsic beauty is offered, with an emphasis upon her sentimental evolution: at first a fervent and corresponded lover of the Count of Scandiano, she suddenly and tragically becomes a traitor and, finally, falls in love again, until the loving relationship ends. An admirable creature for better or worse, Antonia Caprara emerges from the paper patterns with which beloved women are portrayed to become, well ahead of time, both a carnal and an angelic heroine.

L’intervento è rivolto a tracciare un ritratto, ideale e – nei limiti del possibile – reale, o comunque realistico, di Antonia Caprara, la donna amata da Boiardo e messa al centro degli "Amorum libri", il suo canzoniere d’amore. Attraverso l’auscultazione di questo testo si offre un mosaico della bellezza extrinseca e intrinseca della giovane donna, per poi sottolinearne la parabola sentimentale: dapprima fervida amante ricambiata del conte di Scandiano, poi improvvisamente e tragicamente traditrice, infine di nuovo innamorata, prima della fine del rapporto amoroso. Creatura mirabile nel bene e nel male, Antonia Caprara esce dagli schemi cartacei con cui sono ritratte le donne amate per divenire un’eroina insieme carnale e angelica, molto in anticipo sui tempi.

Antonia, o del "pensier fole"

zanato tiziano
2019

Abstract

L’intervento è rivolto a tracciare un ritratto, ideale e – nei limiti del possibile – reale, o comunque realistico, di Antonia Caprara, la donna amata da Boiardo e messa al centro degli "Amorum libri", il suo canzoniere d’amore. Attraverso l’auscultazione di questo testo si offre un mosaico della bellezza extrinseca e intrinseca della giovane donna, per poi sottolinearne la parabola sentimentale: dapprima fervida amante ricambiata del conte di Scandiano, poi improvvisamente e tragicamente traditrice, infine di nuovo innamorata, prima della fine del rapporto amoroso. Creatura mirabile nel bene e nel male, Antonia Caprara esce dagli schemi cartacei con cui sono ritratte le donne amate per divenire un’eroina insieme carnale e angelica, molto in anticipo sui tempi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/3717694
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact