Il fondo «Eva Tea» al Museo di Castelvecchio a Verona: linee interpretative per una ricognizione preliminare