Il saggio si propone di aggiungere un tassello alle scarse vicende biografiche di Alessandro Speranza, relativamente alla sua attività presso uno dei più prestigiosi chiostri napoletani: il monastero di Regina Coeli. La sua presenza presso il celebre monastero partenopeo è testimoniata da alcune composizioni custodite oggi a Lecce, presso la biblioteca privata del compositore, musicologo e noto bibliofilo recentemente scomparso Giuseppe A. Pastore (1915-2014). Fra le numerose edizioni rare, volumi di pregio e manoscritti collezionati nel corso del tempo dalla famiglia Pastore, sono presenti anche due manoscritti che recano la firma di Alessandro Speranza.

L'Amor divino di Alessandro Speranza. Antifone e Cantate nel monastero di Regina Coeli

Fiore, Angela;
2016

Abstract

Il saggio si propone di aggiungere un tassello alle scarse vicende biografiche di Alessandro Speranza, relativamente alla sua attività presso uno dei più prestigiosi chiostri napoletani: il monastero di Regina Coeli. La sua presenza presso il celebre monastero partenopeo è testimoniata da alcune composizioni custodite oggi a Lecce, presso la biblioteca privata del compositore, musicologo e noto bibliofilo recentemente scomparso Giuseppe A. Pastore (1915-2014). Fra le numerose edizioni rare, volumi di pregio e manoscritti collezionati nel corso del tempo dalla famiglia Pastore, sono presenti anche due manoscritti che recano la firma di Alessandro Speranza.
Alessandro Speranza e la musica sacra a Napoli nel Settecento
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Speranza 2016.pdf

non disponibili

Dimensione 1.79 MB
Formato Adobe PDF
1.79 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/3717131
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact