La mobilità dei significati. Divagazioni sulla lingua comune e le sue presunte imperfezioni logiche