Gli studi critici degli ultimi decenni hanno prestato un’attenzione crescente agli aspetti comici della «Vita» di Alfieri, tuttavia continua a resistere di essa una lettura in chiave “eroica”, secondo la quale gli intenti dell’autore sarebbero stati analoghi a quelli dell’oraziano «exegi monumentum». Nell’intervento che propongo intendo mettere in evidenza come il registro comico sia quello dominante nella «Vita», nelle forme dell’antifrasi, del paradosso, della parodia, secondo una volontà di critica radicale da parte dello scrittore nei confronti dei miti e delle ideologie della società a lui contemporanea.

Forme del comico e della parodia nella «Vita» di Alfieri

Michela RUSI
2019

Abstract

Gli studi critici degli ultimi decenni hanno prestato un’attenzione crescente agli aspetti comici della «Vita» di Alfieri, tuttavia continua a resistere di essa una lettura in chiave “eroica”, secondo la quale gli intenti dell’autore sarebbero stati analoghi a quelli dell’oraziano «exegi monumentum». Nell’intervento che propongo intendo mettere in evidenza come il registro comico sia quello dominante nella «Vita», nelle forme dell’antifrasi, del paradosso, della parodia, secondo una volontà di critica radicale da parte dello scrittore nei confronti dei miti e delle ideologie della società a lui contemporanea.
"Le forme del comico"
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
RUSI Alfieri comico ADI.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Accesso gratuito (solo visione)
Dimensione 281.1 kB
Formato Adobe PDF
281.1 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in ARCA sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10278/3716677
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact