Il catalano, lingua di lotta e di governo