Il discreto e il continuo nel linguaggio