L’immagine come materia, il film come scultura, il tempo come oggetto: Rosa Barba, ‘Boundaries of Consumption’