«Visibilità» e «tesaurizzazione» negli altari alla luce d’alcuni casi di reimpiego tra Roma e Milano (IX-XII secolo)