Un cerimoniale della sconfessione di sé: il Sessantotto di Sebastiano Vassalli