Un po’ più a sinistra, un po’ più a destra. Spazio e immagine nell’iconica di Max Imdahl