«Basta credere fermamente quel che la ragione non reprova»: la renovatio ficiniana in un passo sulla creazione dei Dialoghi d'amore di Yehudah Abarbanel